Fsh for sale, Tsukiji fish market, Japan
Fish, shrimps, mussels and shellfish for sale. Tsukiji ... / ©: Michel Gunther / WWF-Canon

Pesce e frutti di mare

In Svizzera sembra essere di moda portare in tavola pesce e frutti di mare: nessun altro settore alimentare ha infatti rilevato un incremento così elevato negli ultimi anni. Molto richiesto da noi è per esempio il sushi.
9,1 chilogrammi di pesce e frutti di mare pro capite all’anno: è un record per la Svizzera. Negli ultimi 25 anni, il consumo di pesce e altre specie ittiche nel nostro Paese è lievitato di circa il 60 per cento raggiungendo un totale di ben 74 573 tonnellate.

Il consumo svizzero non segue una rotta sostenibile

In Svizzera, gran parte dell’offerta proviene ancora da fonti critiche e purtroppo ne conseguono i risultati allarmanti che presentiamo qui di seguito: il consumo interno di pesce e di frutti di mare supera di ben quattro volte quello pescato. Tali quantità di riserve sprecate sono da attribuire al cosiddetto bycatch che presso diverse industrie ittiche ammonta fino al 90%. La quota di bycatch assume proporzioni allarmanti nel caso del gamberetto tropicale. Ciononostante questa pietanza riscuote un successo sempre maggiore nel nostro Paese.

Anche il consumo di pesce e crostacei d’allevamento presenta lati oscuri. I prodotti provenienti da acquacoltura hanno registrato un considerevole aumento sul mercato svizzero e oggi rappresentano un terzo del quantitativo complessivo di prodotti ittici venduti. Ma il mangime a base di olio e farine di pesce utilizzato nell’acquacoltura crea un paradosso: nell’allevamento convenzionale vengono sfruttati più pesci e frutti di mare di quelli che si ottengono. In Svizzera, per produrre ogni chilo di pesce o crostacei d’allevamento si può far ricorso a 4 chili di pesce selvatico, alcune specie in misuma ancora maggiore.

È necessario prendere atto delle proprie responsabilità

Le tendenze attuali nel consumo di pesce in Svizzera evidenziano che è necessario prendere provvedimenti urgenti per il mercato nazionale. In particolare nel settore gastronomico non si tende per niente a considerare serio il problema dell’eccessivo sfruttamento degli stock ittici.

Per facilitare la scelta del pesce e dei frutti di mare al momento dell’acquisto, il WWF ha verificato la sostenibilità delle specie più vendute in Svizzera. Tutte le informazioni sono contenute nella guida all’acquisto “Pesci e frutti di mare”.
Il WWF consiglia ai consumatori di orientarsi su prodotti ittici contrassegnati dal marchio bio o dal label MSC, di prediligere il pesce selvatico autoctono e di non considerare il pesce come una pietanza per tutti i giorni.

datti subito da fare

dugong / ©: Yusuke Okada

Speranza per i mari

Il WWF si impegna affinché siano istituite aree marine protette e per una pesca sostenibile che utilizzi il patrimonio ittico del pianeta senza saccheggiarlo.
Logo Seafood Group / ©: Logo Seafood Group

Seafood Group

Il WWF Seafood Group, raggruppa aziende che desiderano dare il proprio contributo alla tutela dei mari.

Abbonati alla newsletter del WWF

Sintetica e attuale: le ultimissime del WWF via e-mail. Iscriviti ora!

Diventa fan del WWF su Facebook


Segui il WWF su Twitter

Con 50 franchi ci aiuti a preservare un ettaro di foresta tropicale. Dacci una mano anche tu! http://t.co/ohFox4Um9J http://t.co/7TAbIbxpVP
17 Sep 2014 @WWF_Svizzera

Fai una donazione per la tutela delle foreste

Alpen