Mediterrane Wälder

 / ©: Michel Gunther / WWF-Canon

Foresta mediterranea

La foresta mediterranea cresce a sud della foresta temperata (vedi sito sulla foresta temperata) nella zona costiera del Mediterraneo, in California, in alcune zone del Cile, in Africa meridionale e in Australia occidentale, dove viene anche detta „bushland“ (=prateria o boscaglia).
In queste zone il clima è caratterizzato da estati calde e asciutte e inverni miti e piovosi. Il suolo è per lo più povero di sostanze nutritive e le attività dell’uomo, come l’eccessivo sfruttamento del legname, la necessità di creare nuovi pascoli e l’introduzione di specie esotiche sono responsabili del degrado del suolo (peggioramento qualitativo del suolo).

La fase di sviluppo di queste piante, quasi tutte sempreverdi, è in primavera, quando le temperature sono abbastanza alte e c’è ancora sufficiente umidità residua. Piante tipiche della foresta mediterranea sono il leccio, il carrubo, la quercia da sughero, gli ulivi o conifere come il pino marittimo, il cipresso o il cedro. Benché la foresta mediterranea rappresenti una parte modesta delle foreste globali, essa ospita una svariata quantità di specie animali e vegetali che si sono adattate alle estati lunghe, calde e asciutte. Qui troviamo circa il 10% di tutte le specie vegetali conosciute.

La maggior parte delle piante si è abituata agli incendi occasionali o addirittura possono sopravvivere solo grazie al fuoco. Alcune piante infatti hanno bisogno del calore delle fiamme per poter aprire le capsule dei semi. Nelle foreste mediterranee troviamo una gran quantità di piante endemiche, che crescono cioè esclusivamente in quelle zone e in nessuna altra parte del mondo.

In Australia e in California, nelle zone coperte dalle foreste mediterranee, le popolazioni primitive cominciarono ad incendiare già molto tempo fa le praterie e le boscaglie. Con il risultato di ottenere più spazi per gli animali selvatici e per la coltivazione di piante utili all’uomo. L’insieme delle piante locali ben presto si è adattato a questi incendi provocati dall’uomo e sono state sostituite dalle cosiddette piante pirofite (ossia amanti del fuoco). Altre piante invece sono scomparse.

Datti subito da fare

  • Fai un'offerta per le foreste
    Con la tua offerta il WWF potrà creare zone protette, realizzare interventi di rimboschimento e aiutare le popolazioni locali a individuare fonti di reddito alternative.
  • Occhio al marchio FSC
    Il marchio FSC garantisce che il legno, proveniente sia dalla Svizzera che dall'estero, è stato prodotto nel rispetto dell'uomo e della natura.
  • Proteggi il polmone del nostro pianeta
    Con un padrinato Amazzonia contribuisci alla conservazione della più grande foresta pluviale al mondo. 

Abbonati alla newsletter del WWF

Sintetica e attuale: le ultimissime del WWF via e-mail. Iscriviti ora!

Diventa fan del WWF su Facebook


Segui il WWF su Twitter

Ogni anno 200 mila tartarughe finiscono nelle reti. Pescatori nel Mediterraneo si mobilitano per salvarle http://t.co/rHT7C6k5mX
16 Apr 2014 @WWF_Svizzera

Fai una donazione per la tutela delle foreste

Alpen