Gepard, laufend, Kenia, Afrika
Ritorno
27. dicembre 2019

Vincitori e vinti nel 2019

I cambiamenti climatici, l'agricoltura industriale e la caccia agli animali minacciano innumerevoli specie ma non tutte sono perdenti. Il WWF tira le somme e individua i vincitori e i vinti.

Secondo il Living Planet Report, le popolazioni di pesci, uccelli, mammiferi, anfibi e rettili in tutto il mondo sono diminuite in media del 60% in meno di 50 anni (dal 1970 al 2014). E nemmeno la Svizzera dà il buon esempio: è uno dei principali responsabili della perdita di biodiversità. In nessun altro Paese al mondo si registra una percentuale di specie in via di estinzione altrettanto alta. Più di un terzo delle specie vegetali, animali e fungine sono considerate minacciate. Come di consueto il WWF stila il suo bilancio e nomina vincitori e vinti per l'anno appena passato. 

Vinti del 2019

Soprattutto per gli orsi polari, le cernie, i ghepardi, i buceri dall’elmo e le api selvatiche, un anno poco felice sta volgendo al termine.

Vincitori del 2019

Il 2019 presenta anche delle eccezioni: è stato infatti un anno positivo per gli sciacalli dorati, le rane d'acqua Sehuencas, i bisonti, i coleotteri della corteccia e gli elefanti del Myanmar.

Cosa puoi fare tu

Fai una donazione o iscriviti al WWF, per permetterci anche nel nuovo anno di impegnarci nella difesa delle specie e degli habitat minacciati e nella protezione del clima.

Cassetta postale rossa

Abbonarsi alla newsletter

Sintetica e attuale: le ultimissime del WWF via e-mail. Iscriviti ora!

Wilson Sandye con i suoi colleghi del WWF in Rompeteros, Perù

Donazioni

Grazie alla tua donazione il WWF si impegna in oltre 1300 progetti per la tutela della natura e dell'ambiente.

Bonobo madre bacia il suo bambino

Iscriversi al WWF

Come socio del WWF entri a far parte della nostra grande rete: oltre 5 milioni di persone in tutto il mondo sostengono i nostri progetti.