Herde von Afrikanischen Elefanten im Serengeti Nationalpark in Tansania
Elefanti

Imponenti pachidermi

Elefanti - Imponenti pachidermi

Giganti sociali nel mirino dei bracconieri

Gli elefanti sono i più grandi mammiferi che popolano la terraferma e possono pesare fino a sei tonnellate. Le imponenti dimensioni, la proboscide, le ampie orecchie e le zanne ne caratterizzano l'aspetto. Ma il commercio dell'avorio, l'«oro bianco» tanto ambito in molti paesi asiatici, ha reso incerto il destino di questi enormi pachidermi.

La famiglia degli elefanti si suddivide in due generi, l'elefante africano e quello asiatico, separatisi l'uno dall'altro fra i 3 e i 5 milioni di anni fa. L'elefante asiatico è di dimensioni inferiori rispetto al suo parente africano e ha le orecchie più piccole. La femmina ha zanne molto ridotte o ne è priva. Ad accomunare entrambe le specie, tuttavia, è la minaccia rappresentata dall'uomo.

All'inizio del XX secolo, questi imponenti pachidermi erano presenti nelle savane, nei deserti e nei boschi africani, nelle foreste monsoniche e di latifoglie e nelle aree cespugliose dell'Asia. Da allora, la loro popolazione è calata sensibilmente. Il loro habitat si è ristretto e oggi si presenta molto frammentato.

Gli elefanti sono animali marcatamente sociali e formano stretti gruppi famigliari che possono comprendere fino a dieci esemplari femmina con i relativi cuccioli, tutti guidati da una matriarca. A volte questi gruppi si riuniscono in mandrie più numerose. I maschi rimangono nel gruppo famigliare soltanto da piccoli, mentre in seguito vivono in piccoli gruppi senza legami forti.

Nome scientifico

Elefante africano (Loxodonta africana)
Elefante asiatico (Elephas maximus)

Stato di minaccia (IUCN)

Elefante africano: vulnerabile
Elefante asiatico: in pericolo

Popolazione

Elefante africano: 415 000 esemplari
Elefante asiatico: 39 500-43 500 esemplari

Corporatura

Altezza al garrese: 2,6 m-3,2 m (elefante africano) / 2,4-2,7 m (elefante asiatico)
Peso: 2800-6000 kg (elefante africano) / 2700-3600 kg (elefante asiatico) 

Diffusione

Elefante africano: Africa subsahariana
Elefante asiatico: Asia centrale e sudorientale

Caccia, bracconaggio e perdita dell'habitat

Le popolazioni di elefanti sono tuttora in rapido calo a causa di caccia e bracconaggio, del commercio illegale e della scomparsa dell'habitat. Sin dal 1975 gli elefanti asiatici rientrano nella categoria degli animali più minacciati in base alla Convenzione di Washington (CITES), i loro cugini africani dal 1990. Se è vero che da allora il numero degli esemplari è in leggera ripresa, negli ultimi anni si è assistito a una nuova massiccia offensiva dei bracconieri. 

Bracconaggio

Dai primi anni del nuovo millennio, le popolazioni di elefanti sono minacciosamente tornate nel mirino della caccia illegale: i bracconieri uccidono questi pachidermi per conto di bande criminali operanti a livello internazionale. Nemmeno all'interno delle riserve naturali gli elefanti della Savana africana possono dirsi al sicuro. Nel 2011, in media, circa tre quarti dei pachidermi trovati morti sono stati abbattuti illegalmente. Un'area fortemente colpita è l'Africa orientale: in Tanzania, tra il 2009 e il 2014, oltre 65 000 elefanti sono caduti vittima del bracconaggio. I loro effettivi si sono ridotti dai 110 000 (2009) ai 43 000 (2014) individui circa. 

Ma anche gli elefanti nell'Africa subsahariana e centrale sono tornati nel mirino dei bracconieri. Per esempio in Gabon, dove tra il 2002 e il 2011, nel Parco nazionale di Minkébé, sono stati uccisi oltre 10 000 esemplari. La situazione è grave anche in Mozambico, Zimbabwe e Namibia.

Commercio illegale di avorio

Il commercio internazionale di avorio è vietato sin dal 1989. Tuttavia, i traffici illegali vivono attualmente un boom che non si conosceva più da molto tempo. L'origine di questo sviluppo è la crescita della domanda in Asia, dove le miniature e gli oggetti di artigianato in avorio sono considerati beni di lusso e status symbol. Si stima che ogni anno, in Africa, vengano uccisi per le loro zanne più di 20 000 elefanti. Queste vengono poi esportate principalmente in Cina e nel Sud-Est asiatico. Dal 2014 l'elefante africano è una specie ufficialmente protetta in Thailandia, dove è stato decretato il divieto di importare, esportare, scambiare e vendere avorio proveniente dall'Africa. 

Negli ultimi anni le vendite di avorio su Internet sono aumentate in maniera considerevole, soprattutto in Cina. Le autorità hanno reagito confiscando migliaia di prodotti e sanzionando diverse centinaia di persone coinvolte in traffici illeciti. Si tratta di alcuni primi passi avanti, ma il mercato offre ancora oggi molte scappatoie a favore del commercio illegale dell'avorio. 

Illegalmente scambiato e confiscati avorio

Perdita dell'habitat

La sopravvivenza degli elefanti asiatici e africani è minacciata dalla forte crescita demografica che interessa le regioni in cui vivono. Lo sviluppo economico avanza a grandi passi, e con esso aumentano le esigenze della popolazione locale in termini di territorio per insediamenti, strade e coltivazioni. Gli elefanti perdono spazio vitale e si ritrovano tagliati fuori dai propri itinerari tradizionali. Questo li rende vulnerabili, poiché la possibilità di spostarsi alla ricerca di cibo e acqua è per loro una questione di vita o di morte. Attualmente, tutte le popolazioni di elefanti asiatici sono ormai piccole e sparpagliate.

Dove le terre coltivate e gli itinerari dei pachidermi si incontrano, accadono di continuo incidenti di una certa gravità: gli elefanti mangiano i raccolti dei contadini o calpestano i campi. Di conseguenza, possono verificarsi conflitti anche letali, sia per gli uomini, sia per gli animali.

Al centro dell'attenzione del WWF

Sin dalla sua fondazione il WWF ha sostenuto numerosi progetti finalizzati alla tutela degli elefanti e dei loro habitat naturali, in collaborazione con governi, partner non governativi e con le popolazioni locali. 

Con Traffic, il programma congiunto del WWF e dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) finalizzato alla protezione delle specie, contrastiamo il commercio illegale di avorio. Ma ci battiamo anche affinché i consumatori rinuncino ai prodotti derivati dagli elefanti, per esempio cercando nei mercati locali gli indizi di questo traffico illecito, sostenendo i governi nella lotta al contrabbando e informando la popolazione in Cina e nel Sud-Est asiatico sulle conseguenze mortali della domanda di avorio. 

L'operato del WWF per la difesa degli elefanti si esprime anche attraverso il nostro impegno in Namibia. Da molti anni il WWF sostiene il governo e le organizzazioni non governative in loco nella realizzazione di un programma per la promozione di aree protette gestite a livello comunale. Il nostro obiettivo è conservare la fauna africana e, parallelamente, migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

Il WWF si impegna anche per salvaguardare gli elefanti asiatici combattendo il bracconaggio e contribuendo a una migliore gestione delle aree protette esistenti. Ci battiamo inoltre per la protezione delle foreste, con diversi progetti in Thailandia, Laos e Cambogia. 

Aree protette in Namibia nel 2015

Superficie protetta44%
Superficie non protetta56%

Da oltre 50 anni impegnato per gli elefanti

Sin dalla sua fondazione il WWF è attivo nella protezione degli elefanti. A questo scopo ci impegniamo in diversi progetti in Africa e Asia. 

avorio illegalmente camicia viene bruciato, Gabon.

Wildlife Crime Initiative - Battaglia contro un affare plurimilionario

La Wildlife Crime Initiative si impegna per contrastare il bracconaggio lungo l'intera filiera. L'obiettivo? Dimezzare entro il 2024 la caccia di frodo, il commercio illegale e il consumo di determinate specie animali.

Più informazioni
gli abitanti del Kenya testare la stufa a legna, Naivasha in Kenya

Le imprese compensano le emissioni di CO2

Alcune delle aziende partner con cui il WWF ha fissato obiettivi climatici forniscono un grande contributo per il clima e la natura: non solo si impegnano a evitare e ridurre le proprie emissioni di CO2, ma compensano anche quelle inevitabili.

Più informazioni
Cheetah Namibia prima Sanddühnen

Lotta al bracconaggio in Namibia

Sebbene la Namibia sia stato il primo Paese africano a inserire la protezione dell’ambiente nella propria Costituzione, in questa regione la lotta alla caccia di frodo si presenta lacunosa: manca un sistema globale. È qui che il WWF interviene per fermare il fenomeno del bracconaggio.

Più informazioni
Koala in Thailandia

Cosa puoi fare tu

Le attività dell'uomo hanno ridotto il numero degli elefanti al punto tale che oggi sono considerati «vulnerabili» e «in pericolo». Affinché il WWF possa continuare a impegnarsi per la conservazione di questi imponenti pachidermi, abbiamo bisogno del tuo sostegno. 

Bonobo madre bacia il suo bambino

Iscrizioni adulti

Come socio del WWF entri a far parte della nostra grande rete: oltre 5 milioni di persone in tutto il mondo sostengono i nostri progetti.

femmina di elefante africano con i giovani (Loxodonta africana). Etosha National Park, in Kenya.

Io aiuto l'elefante

CHFLa tua donazione
Importo minimo: CHF
Importo massimo: CHF

Con la tua donazione aiuti a fermare il bracconaggio.