30. luglio 2018 — Comunicato stampa

Earth Overshoot Day: il 1° agosto abbiamo esaurito le risorse della Terra

Dopo soli sette mesi dall’inizio dell’anno, la popolazione mondiale ha già consumato il budget di risorse dell’intera annata. Il primo agosto si celebrerà la festa nazionale Svizzera, ma sarà anche il cosiddetto Earth Overshoot Day. Seguendo sette consigli del WWF Svizzera è possibile iniziare a risparmiare risorse durante il tradizionale picnic del primo agosto.

Sole tramonta dietro la terra sotto

L’associazione internazionale «Global Footprint Network» calcola ogni anno il giorno in cui il consumo umano delle risorse del pianeta supera la rigenerabilità dei nostri ecosistemi. Da quella data in poi viviamo in debito delle generazioni future. Quest’anno con il 1° agosto battiamo tutti i record, perché con il passare del tempo l’Overshoot Day viene sempre anticipato. Mentre negli anni 70 si verificava generalmente a novembre, nel 2018 abbiamo addirittura sfiorato il mese di luglio.

Se qualcuno pensa che la Svizzera sia al di sotto della media mondiale si sbaglia. Per colmare la fame globale di risorse, la popolazione terrestre attualmente consuma all’incirca 1,7 pianeti all’anno. Se tutta la popolazione su questa terra vivesse come gli svizzeri, ogni anno avremmo bisogno persino di tre pianeti. Infatti l’Overshoot Day svizzero è passato da un pezzo: era il 7 maggio. Ciò vuol dire che le nostre risorse bastano alla popolazione soltanto per cinque mesi.

 

Festeggiare con la coscienza pulita

C’è una buona notizia: non è così difficile abbassare la propria impronta ecologica. Il 1° agosto è un’ottima occasione, perché molti sfruttano il giorno libero e le giornate calde per un piacevole picnic lungo i corsi d’acqua rinfrescanti. Questi sette consigli del WWF danno un’indicazione di come si possa celebrare la festa nazionale salvaguardando le risorse:

  • Con un picnic in Svizzera si riesce a risparmiare varie tonnellate di CO2. Come è possibile? Festeggiare in Svizzera salvaguarda molto di più le risorse rispetto al fare un viaggetto con l’aereo all’estero.
  • Si utilizzi il treno o la bici per andare a fare il picnic, lasciando la macchina in garage. In questa maniera si evitano le code e la ricerca fastidiosa di un parcheggio. Inoltre si fa una buona cosa per l’ambiente.
  • Quello che vale per i bambini vale anche per gli adulti: ciò che si trova in tavola ovvero nel cestino di picnic va mangiato e finito. In Svizzera ogni giorno vengono buttati nella spazzatura circa 300 g di alimenti genuini pro capite. Chi compra soltanto quello che consuma evita sprechi.
  • Evitare imballaggi inutili comprando ad esempio in negozi “Zero Waste” o al mercato.
  • Preferire frutta e verdure provenienti da agricoltura biologica. Inoltre: rinunciare ad alimenti trasportati con l’aereo o coltivati in serre riscaldate con combustibili fossili.
  • Le cannucce sono ormai passate di moda – e questo è un’ottima cosa per contrastare l’aumento della spazzatura. Ma è solo l’inizio. Per il picnic bisognerebbe rinunciare anche a stoviglie e grill usa e getta.
  • Meglio un buonissimo cervelat anziché mettere un costoso filetto sulla griglia. Per la salsiccia nazionale della Svizzera vengono utilizzate in maniera razionale anche le parti di carne meno «nobili». Chi vuole rispettare ancora di più l’ambiente durante il barbecue metta sulla griglia zucchine, mais ecc.

Vuoi sapere a che livello si trova la tua impronta ecologica? Lo puoi calcolare qui: www.wwf.ch/footprint

Ulteriori informazioni:

Metodo di calcolo del Global Footprint Network: www.footprintnetwork.org

Ulteriori informazioni importanti del WWF sulla pagina: www.wwf.ch/klimatipps

Contatto: Susanna Petrone, responsabile della comunicazione WWF Svizzera,
susanna.petrone@wwf.ch; 076 552 18 70