Ridere Bonobo il santuario ABC nella Repubblica del Congo
Bonobo

I nostri parenti più stretti

Bonobo - I nostri parenti più stretti

Quasi come noi uomini

Nessun altro essere vivente è più simile a noi: i bonobo sono, insieme agli scimpanzé, i nostri parenti più prossimi. L'uomo, tuttavia, è anche il peggior nemico di queste pacifiche scimmie. Il WWF si impegna per proteggere questa specie e il suo l'habitat naturale.

Il loro DNA coincide per il 98,7% con quello dell'uomo. La somiglianza con gli scimpanzé ha fatto sì che fosse riconosciuta come specie a sé soltanto nel 1929. Rispetto agli scimpanzé, tuttavia, i bonobo sono generalmente più bassi, più snelli e hanno il pelo più scuro. A oggi sappiamo poco su queste affascinanti scimmie antropomorfe. Vivono in gruppi che contano dai 30 agli 80 individui, capeggiati da una femmina. La loro struttura sociale marcatamente sviluppata si basa su armonia e collaborazione. Rispetto alle altre scimmie, i bonobo sono molto più pacifici. La loro strategia per evitare i conflitti è il sesso.

I bonobo vivono unicamente nella Repubblica Democratica del Congo e sono inclusi nella Lista Rossa delle specie a rischio. La distruzione dell'habitat, il bracconaggio e le malattie li hanno spinti fino all'orlo dell'estinzione. Non si dispone di dati affidabili circa il numero di esemplari viventi. I lunghi anni di guerra civile e i conflitti tuttora persistenti hanno ostacolato le ricerche scientifiche. Le stime variano dai 15 000 ai 20 000 esemplari, con tendenza in calo.

Attraverso l'African Great Apes Programme e altri progetti, il WWF si batte da oltre 50 anni per i bonobo e per la conservazione del loro habitat.

Nome scientifico

Bonobo (Pan paniscus)

Stato di minaccia (IUCN)

In pericolo

Popolazione

15 000-20 000 esemplari

Corporatura

Altezza: 70-90 cm
Peso: 30-39 kg

Diffusione

Africa centrale

Carne, superstizione e perdita dell'habitat

Ancora una volta, la peggior minaccia per una specie animale è l'uomo, che caccia i bonobo per venderne la carne e produrre prodotti di medicina tradizionale e distrugge il loro habitat. Continuando di questo passo, i bonobo sono destinati a scomparire entro i prossimi trenta o quarant'anni.

Distruzione dell'habitat

L'uomo distrugge sempre di più l'habitat dei bonobo, sia disboscando per ricavare legname, sia appiccando fuochi per ottenere nuovi terreni da coltivare. Questi animali, inoltre, sono particolarmente sensibili a fattori di disturbo esterni: se l'uomo si insedia nel loro territorio, i timidi bonobo tendono ad abbandonarlo.

L'agricoltura intensiva sposta la foresta tropicale nella Repubblica democratica del Congo.

Bracconaggio

Nell'Africa centrale, la bushmeat (carne di foresta) è una fonte di nutrimento importante. La carne è ambita, che si tratti di scimmia, elefante o antilope. Per gli abitanti dei villaggi è una delle poche fonti di reddito stabili, essendo richiestissima nelle città. Viene infatti venduta come prelibatezza in appositi mercati.

Nella medicina tradizionale e in diversi rituali, inoltre, vengono utilizzate ancora oggi parti dei bonobo. In base ad alcune superstizioni si ritiene che queste aiutino, tra l'altro, a incrementare la potenza sessuale.

Per lunghi anni la popolazione della Repubblica Democratica del Congo ha sofferto le conseguenze di guerra, sfruttamento e corruzione. Malgrado le abbondanti risorse naturali, il paese è annoverato tra i più poveri al mondo. Procurarsi armi e munizioni è relativamente facile qui, e spesso i bracconieri possono agire indisturbati persino nelle poche aree protette abitate dai bonobo.

bushmeat Congo

Malattie

Essendo così simili, l'uomo e i bonobo possono trasmettersi le malattie. Ciò che per noi è un semplice raffreddore può rivelarsi mortale per queste scimmie. La scomparsa dell'habitat ha fatto sì che i singoli branchi non entrino quasi più in contatto fra loro, con maggiore probabilità di riproduzione tra consanguinei e conseguente ulteriore decimazione delle popolazioni.

Aree protette, cambio di mentalità e alternative

Per garantire la sopravvivenza dei bonobo sono necessarie misure diversificate. Il WWF sensibilizza il pubblico e la politica, sostiene le aree protette e contribuisce alla corretta applicazione delle leggi. Lo sviluppo di fonti di reddito alternative per la popolazione locale, il turismo sostenibile e la ricerca scientifica completano il quadro degli sforzi a tutela delle scimmie antropomorfe.

La protezione a lungo termine per i bonobo e le altre scimmie antropomorfe, può concretizzarsi solo nel caso in cui esista a livello locale la consapevolezza del valore della biodiversità. Ecco perché informazione, istruzione e azione politica rivestono un ruolo chiave nell'operato del WWF. Contribuiamo all'individuazione delle attività illegali e informiamo sulle conseguenze negative della distruzione dell'ambiente.

Il WWF, inoltre, forma ranger e unità antibracconaggio, equipaggiate con attrezzature moderne ed efficaci per la salvaguardia dei bonobo e di altri animali selvatici.

Non da ultimo, i bonobo hanno bisogno di essere protetti anche dalle industrie. Il WWF si è più volte battuto con successo per esercitare pressioni su aziende intenzionate a sfruttare a scopi industriali l'habitat di queste scimmie.

Obiettivo per il 2017

Meno attività illegali nelle aree protette.

Da 50 anni in campo per i bonobo

Le scimmie antropomorfe rappresentano una delle specie chiave per il WWF. Con l'African Great Apes Programme e altre iniziative, il WWF si impegna per la loro salvaguardia e per la conservazione del loro habitat.

avorio illegalmente camicia viene bruciato, Gabon.

Wildlife Crime Initiative - Battaglia contro un affare plurimilionario

La Wildlife Crime Initiative si impegna per contrastare il bracconaggio lungo l'intera filiera. L'obiettivo? Dimezzare entro il 2024 la caccia di frodo, il commercio illegale e il consumo di determinate specie animali.

Più informazioni

Cosa puoi fare tu

Aiutaci a salvaguardare l'habitat dei bonobo con una donazione. Oppure sostienici con un contributo regolare a favore della protezione ambientale diventando socio del WWF.

Bonobo con un filo d'erba nella mano destra

Io aiuto i bonobo

CHFLa tua donazione
Importo minimo: CHF
Importo massimo: CHF

Con la tua donazione aiuti il WWF a mantenere intatte le foreste.

Wilson Sandye con i suoi colleghi del WWF in Rompeteros, Perù

Donazione generica

Grazie alla tua donazione il WWF si impegna in oltre 1300 progetti per la tutela della natura e dell'ambiente.

Bonobo madre bacia il suo bambino

Iscrizioni adulti

Come socio del WWF entri a far parte della nostra grande rete: oltre 5 milioni di persone in tutto il mondo sostengono i nostri progetti.