©
©
Ein Luchs im Schnee.
Ritorno
22 gennaio 2020

Un rifugio, un viaggio o una folta pelliccia? Gli animali come trascorrono l’inverno?

Come fanno gli animali a resistere alle temperature più fredde e alla neve? In inverno alcuni dormono, altri migrano al sud oppure altri ancora si avvolgono in una folta pelliccia.

Letargo

Animali come riccio, pipistrello o ghiro vanno in letargo. Per prepararsi a trascorrere i mesi invernali cercano un buco, un solaio o un albero. Durante il letargo la temperatura corporea si abbassa e la respirazione rallenta, in questo modo il corpo ha bisogno meno energia. Alcuni animali prima di andare in letargo mangiano molto, per accumulare uno spesso strato di grasso. Altri animali invece preparano delle scorte, così quando si svegliano per brevi momenti possono mangiare. Alcuni animali possono restare anche mesi senza mangiare o bere.

©
Ein Siebenschläfer in Grossaufnahme.

Riposo invernale

L’orso, il tasso o lo scoiattolo fanno un riposo invernale (semiletargo). Questo vuol dire che dormono solo nei periodi più freddi. La respirazione e la temperatura corporea non si abbassano così tanto come nel letargo. Se l’inverno è mite può capitare che gli animali non entrino neanche nel periodo di riposo. Rispetto agli animali che vanno in letargo, questi animali sono svegli più spesso e più a lungo.

©
Eine Nahaufnahme von einem Braunbär der neben die Kamera schaut.

"Ibernazione"

Gli anfibi (come le rane o i rospi) e i rettili (come i serpenti) sono animali “a sangue freddo”, in pratica la temperatura del corpo varia a seconda della temperatura esterna. In inverno, per sopravvivere al gelo, questi animali cercano un rifugio dove la temperatura non scende sottozero. In questo periodo non è possibile catturare cibo e quindi anfibi e rettili hanno bisogno di risparmiare energia. Però non possiamo parlare di ibernazione totale, si tratta piuttosto di uno stato di torpore. Alcuni anfibi possiedono una sostanza speciale che, nel caso le temperature dovessero scendere sottozero, impedisce al sangue di gelare.

©
Die Puppe eines Schwalbenschwanzes hängt an einem Ast.

Uccelli migratori

Molti uccelli che trascorrono l’estate in Svizzera, in autunno migrano verso sud. La maggior parte di loro non teme il freddo, ma partono per lunghi viaggi piuttosto per l’assenza di cibo. La lunghezza del viaggio dipende dalla specie di uccelli: alcuni volano fino al sud della Francia o in Spagna, altri fino in Africa. Lo sapevi che ci sono anche alcune farfalle che migrano? La Vanessa atalanta per esempio in autunno sorvola le Alpi per andare in Africa, perché non sopporta le temperature fredde. Alcuni uccelli, al posto di migrare da nord a sud, si spostano dalla montagna alla pianura, dove c’è meno neve.

©
Ein fliegender weisser Storch von unten.

Cambio di pelliccia e piume

Quasi tutti i mammiferi in inverno hanno un folto pelo. La pelliccia è costituita da due strati, uno esterno che tendenzialmente è uguale sia in inverno che in estate, e uno più folto e morbido che cambia in base al bisogno di isolamento termico. Alcuni animali cambiano anche il colore per adattarsi meglio all’habitat. La lepre variabile in estate ha il pelo marrone, in inverno invece diventa bianco. Anche la pernice bianca in inverno diventa bianca. Il manto del capriolo invece, dal tipico colore marrone-rosso, in inverno passa al più discreto marrone-grigio. La pelliccia della lince invece in inverno cambia in un altro modo: la lince aumenta il suo pelo per avere zampe più grandi. In questo modo sulla neve, proprio come noi con le “racchette da neve”, cammina meglio e caccia più facilmente.

©
Eine Gruppe Rehe im verschneiten Wald.

Mangiare – ma qualcosa di diverso

Animali come gli scoiattoli, i caprioli o le cinciallegre adattano la loro alimentazione. Gli scoiattoli in autunno accumulano delle scorte visto che in inverno non si trovano semi o noci. I caprioli addirittura adattano anche il loro stomaco, così possono assimilare meglio gli elementi nutrienti dal cibo. Altri animali come la cinciallegra in inverno, al posto di insetti, si nutrono di bacche e semi. È un po’ come se in inverno diventassero vegetariani. Il topolino delle risaie invece fa il contrario, in estate mangia vegetali, mentre in inverno va a caccia di larve d’insetti.

©
Eine Kohlmeise sitzt auf einem schneebedeckten Ast.

Cosa fa il nibbio bruno in inverno?

Ecco cosa puoi fare

Con una donazione puoi sostenere in maniera permanente le nostre attività nelle Alpi. O diventa membro del WWF e aiutaci a realizzare progetti in favore del clima in collaborazione con le imprese.

©
Marmotta nel Parco Nazionale degli Alti Tauri, Austria

Io proteggo le Alpi

Le Alpi sono un gioiello della natura dalle mille sfaccettature. Proteggendole facciamo sì che questa ricchezza non venga depredata dall’azione dell’uomo.

©
Bonobo madre bacia il suo bambino

Iscriversi al WWF

Come socio del WWF entri a far parte della nostra grande rete: oltre 5 milioni di persone in tutto il mondo sostengono i nostri progetti.