Veduta aerea del Rio delle Amazzoni
Amazzonia

Un gioiello di valore inestimabile

Amazzonia – Un gioiello di valore inestimabile

La più grande foresta pluviale della Terra

La regione amazzonica custodisce la più vasta foresta pluviale al mondo e il più ricco sistema fluviale. Il Rio delle Amazzoni raccoglie quasi il 20 per cento dell'acqua dolce che si trova sulla Terra, mentre la foresta condiziona e regola il clima dell'intero pianeta.

La foresta amazzonica si estende su una superficie di 6,7 milioni di km². Si sviluppa sul territorio di ben nove Stati sudamericani ed è la foresta pluviale più grande rimasta sulla Terra. La porzione più vasta, le cui dimensioni superano quelle dell'Europa occidentale, si trova in Brasile. Lo stato di salute di questa preziosa regione naturale è legato a doppio filo con quello del clima globale: la foresta pluviale immagazzina da 90 a 140 miliardi di tonnellate di CO2, e la sua continua distruzione provoca il rilascio nell'atmosfera di enormi quantità di questa sostanza, con conseguenze catastrofiche per l'ambiente.

La foresta amazzonica è molto importante anche per la straordinaria varietà di specie che ospita. Un autentico gioiello della natura, unico al mondo. Qui vive il dieci per cento di tutte le specie animali conosciute, tra cui il delfino di fiume del Rio delle Amazzoni, il giaguaro e il boa constrictor. Anche molti uomini dipendono per la propria sopravvivenza dalle risorse offerte dalla foresta: la regione è abitata da circa 350 popolazioni indigene, spesso legate a tradizioni e usi molto antichi.

Oltre l'80 per cento della superficie originaria della foresta amazzonica è ancora ben conservato. Ma quasi il 20 per cento è già andato distrutto. Se non si corre subito ai ripari, introducendo modalità di gestione delle risorse maggiormente rispettose dell'ambiente e attuando le leggi finalizzate a proteggerlo, la nostra generazione assisterà alla scomparsa di questo inestimabile patrimonio naturale. Il WWF si adopera con tutte le sue forze per impedire che ciò accada.

Zona

Sud America, in particolare Brasile, ma anche Bolivia, Colombia, Ecuador, Guyana francese, Perù, Guyana, Suriname e Venezuela

Habitat

Prevalentemente foresta pluviale tropicale (80 per cento della regione amazzonica), ma anche foresta palustre, bosco di latifoglie, savana e, da tempi recenti, circa il 7 per cento di superficie agricola

Statura

6,7 milioni di km²

Fauna

Un decimo delle specie animali e vegetali conosciute vive nella regione amazzonica. Tra queste, il giaguaro, il delfino di fiume del Rio delle Amazzoni e il boa constrictor

Così viene distrutta la foresta pluviale

Enormi porzioni di foresta vengono abbattute per fare spazio a pascoli destinati alle mandrie di bovini. Miniere e pozzi petroliferi inquinano e deturpano vaste aree, lasciando segni che dureranno nel tempo. Strade e opere infrastrutturali realizzate senza una progettazione oculata contribuiscono a frammentare e rimpicciolire le distese di foresta.

Mandrie di bovini al posto della foresta

Per il piacere di avere sempre carne in abbondanza sulla nostra tavola, ci stiamo letteralmente mangiando la foresta pluviale. L'80 per cento delle superfici disboscate viene trasformato in pascoli per le mandrie di bovini. Ma il problema non è solo questo: non di rado, gli incendi appiccati per contrastare la ricrescita degli alberi si propagano in maniera incontrollata alle zone ancora ricoperte dalla foresta. Le aree disboscate vengono utilizzate anche per la coltivazione della soia, che a sua volta trova impiego come mangime per gli animali.

Mandria di bovini in Brasile

Strade e dighe

Naturalmente una rete stradale efficiente e un sistema di approvvigionamento energetico ben funzionante sono essenziali per lo sviluppo di una regione. Ma quando non sono coordinati attraverso una progettazione attenta, i danni prevalgono sui benefici. Se non si potenziano le attività di controllo, le nuove strade che attraversano regioni prima inaccessibili danno impulso a una deforestazione illegale o comunque non sostenibile. Le centrali idroelettriche creano gravi problemi all'ecosistema se ad esempio compromettono i collegamenti tra i corsi d'acqua. Sono già state realizzate oltre 150 dighe, e circa 280 sono in fase di progettazione o di costruzione. Spesso esse sorgono o sorgeranno nel bel mezzo di aree protette o in territori abitati da popolazioni indigene.

Wasserkraftwer nella regione amazzonica

Oro, petrolio e legno tropicale

La domanda di materie prime provenienti dalla regione amazzonica è molto forte. Le leggi che dovrebbero proteggere gli ecosistemi ricchi di risorse naturali sono però scarsamente efficaci o non vengono applicate. Molti imprenditori del settore minerario, per di più, danno poco peso alle misure finalizzate alla tutela dell'ambiente, di conseguenza accade spesso che le miniere provochino erosione del suolo e inquinamento idrico.

miniera d'oro in Amazzonia

Piccoli coltivatori

L'agricoltura praticata da piccoli coltivatori si sta diffondendo in paesi quali la Bolivia nordorientale, la Colombia, l'Ecuador, il Perù, la Guyana e la Guyana Francese. Le condizioni di grave povertà, la difficoltà di ottenere terreni da coltivare e la scarsa sostenibilità delle tecniche adottate fanno sì che, per sopravvivere, i contadini incendino vaste porzioni di foresta per ricavarne terreni coltivabili.

Ridurre e bruciore nella regione amazzonica

Impegno per un'Amazzonia intatta

Anche in futuro le popolazioni locali e il mondo intero devono poter beneficiare di una foresta pluviale amazzonica intatta e vitale. Occorre assolutamente trovare un equilibrio fra equità sociale, sviluppo economico e protezione degli ecosistemi. Ed è su questo aspetto che si concentra l'operato del WWF.

Il WWF è attivo nella regione amazzonica da oltre 40 anni, e cerca costantemente di creare un clima di cooperazione fra i nove Stati che ospitano la foresta, in modo da dare vita a una strategia congiunta che renda possibile uno sviluppo sostenibile.

Entro il 2020 intendiamo raggiungere i seguenti obiettivi:

  • Almeno il 30 per cento di ciascuno degli ecosistemi presenti in Amazzonia deve essere posto sotto tutela. Le aree protette garantiscono la sopravvivenza delle numerose specie animali e vegetali e la disponibilità di beni e servizi per le popolazioni locali, per i paesi della regione e per il mondo intero.
  • Andrebbe protetta una superficie di foresta sufficientemente grande da garantire che il clima della regione non subisca alterazioni. In questo modo si preserverebbe anche la funzione regolatrice che la foresta amazzonica esercita sul clima dell'intero pianeta.
  • La qualità dell'acqua, la portata dei fiumi e le naturali oscillazioni di livello dovute alle stagioni, nonché il collegamento tra i principali corsi d'acqua, dovrebbero essere preservati e garantire l'approvvigionamento della popolazione.

Un elemento importante per il raggiungimento di questi obiettivi è la volontà politica: il WWF svolge attività informative e di lobbying per indurre i rappresentanti della regione a riconoscere l'importanza delle foreste e promuovere concretamente un loro utilizzo all'insegna della sostenibilità. Supportiamo inoltre i settori del WWF in loco nello sviluppo di direttive sugli investimenti che tengano conto delle problematiche ambientali, facendo sì che gli investitori locali ed esteri siano assoggettati in tutta la regione alle stesse regole vincolanti che impongono il rispetto di determinati standard ambientali. Coordiniamo lo sviluppo e l'attuazione dell'"Amazon Freshwater Program", che mira a proteggere il sistema fluviale nel suo insieme. Vogliamo così impedire che vengano costruite nuove dighe in regioni che necessitano di particolare tutela. E non da ultimo, puntiamo a sensibilizzare le popolazioni locali attraverso campagne sui benefici dello sviluppo sostenibile nella loro regione.

Il 30 per cento di ciascun ecosistema presente nella regione amazzonica dovrebbe essere posto sotto tutela.

Progetti del WWF in Amazzonia

Il lavoro del WWF in Amazzonia ha come punto focale la protezione dell'immenso sistema di corsi d'acqua dolce, della foresta e delle specie in pericolo.

Industria del legno in Camerun

Impegno per una silvicoltura sostenibile

Le foreste rappresentano un'importante risorsa economica: una buona ragione in più per utilizzarle in modo parsimonioso. Il WWF lotta contro il disboscamento illegale e rivendica una silvicoltura sostenibile in tutto il mondo.

Più informazioni

Cosa puoi fare tu

Sostieni il nostro operato con una donazione a favore della foresta pluviale. Anche riducendo la tua impronta ecologica personale dai una mano al nostro pianeta.

Registrazione foresta pluviale con vista fino alle foglie

Io sto proteggendo la foresta pluviale

CHFLa tua donazione
Importo minimo: CHF
Importo massimo: CHF

Grazie alla tua donazione proteggiamo la foresta pluviale dalla deforestazione.

Sole tramonta dietro la terra sotto

Calcolatore dell'impronta ecologica

Calcola la tua impronta ecologica e lasciati ispirare dai consigli pratici che ti offriamo.