Nördlicher Blauflossenthun
Tonni

Agili, veloci e forti

Tonni - Agili, veloci e forti

Cacciatori perfetti dei mari

Questi grandi predatori nuotano con incredibile rapidità nei mari di tutto il pianeta inseguendo le proprie prede. A causa della loro carne prelibata, negli ultimi decenni i tonni sono diventati a loro volta preda: oggigiorno molti stock sono minacciati dalla pesca sfrenata.

I tonni sono predatori che si spostano fulminei negli oceani raggiungendo velocità fino a 100 chilometri orari. I loro corpi affusolati sono perfetti per la caccia in mare. Vivono in grandi banchi sfruttando l'elevata velocità natatoria per cacciare prede quali sgombri, aringhe, seppie, anguille e crostacei. Durante le loro incursioni percorrono migliaia di chilometri. Ad esempio, i tonni rossi marcati alle Bahamas sono stati rintracciati davanti alle coste norvegesi e brasiliane.

I tonni, soprattutto quelli rossi, sono particolarmente richiesti dal mercato alimentare. Per la loro carne muscolosa e prelibata sono diventati nella tradizione giapponese l'ingrediente più importante del sushi. La grande richiesta di tonno, non solo in Giappone, ha fatto sì che sei delle otto specie di tonni esistenti siano oggi minacciate. Le cause principali sono la pesca industriale e quella illegale, le quote eccessive di pescato e l'allevamento. Per bloccare l'estinzione dei tonni ci impegniamo in tutto il mondo a favore di metodi di pesca più sostenibili, di una migliore gestione della pesca e per un consumo più responsabile.

Nome scientifico

Thunnus

Specie

8 specie

Stato di minaccia (IUCN)

In pericolo critico: tonno australe

In pericolo: tonno rosso

Vulnerabile: tonno obeso, tonno australe del Pacifico

Quasi minacciato: alalunga, tonno pinna gialla

Corporatura

Lunghezza: da 50 a 300 cm

Diffusione

Oceano Atlantico, Oceano Indiano e Oceano Pacifico

Sfruttamento eccessivo degli oceani

Sei delle otto specie di tonno esistenti sono a rischio. Nel Mediterraneo e nell'Atlantico orientale gli stock di tonno rosso sono diminuiti del 90% a causa della pesca intensiva degli ultimi decenni. Nella Lista Rossa dell'IUCN il tonno australe è classificato addirittura come "in pericolo critico". Ma anche le altre specie di tonno sono minacciate dai metodi di cattura industriali e dalla pesca illegale.

Pesca industriale

Il tonno è un pesce commestibile molto apprezzato, la cui pesca si è andata sempre più intensificando dagli anni cinquanta. Oggi la maggior parte degli effettivi è completamente sfruttata o addirittura sovrasfruttata. Attualmente vengono catturate 5 milioni di tonnellate di tonno all'anno.

Le flotte pescherecce si avvalgono di imbarcazioni sempre più grandi e tecniche di cattura più efficienti per pescare i tonni. Lo strumento più usato è la rete da circuizione, lunga fino a 2000 metri e che può raggiungere una profondità di 200 metri. La rete che circonda il banco di tonni è chiusa sul fondo. Nelle reti finiscono accidentalmente anche squali, delfini, mante o tartarughe marine. L'impiego dei DCP (dispositivi di concentrazione dei pesci) acuisce il problema perché questi dispositivi attraggono molte altre specie ittiche che sono catturate accidentalmente dalle reti a circuizione disposte attorno ai DCP.

Pesca illegale

La crescente richiesta di sushi e sashimi ha fatto lievitare i prezzi del tonno rosso atlantico. Gli elevati profitti spingono una parte dei pescatori a ignorare le quote: nel Mediterraneo un tonno rosso su tre è pescato illegalmente.

Il Giappone è il principale acquirente del tonno rosso. Questa specie dalla carne grassa di colore rosso scuro è oggi talmente rara che i pochi esemplari pescati sono venduti a cifre da capogiro.

Allevamento ittico

Da quando il tonno rosso è diventato una rarità, in alcuni mari, fra cui il Mediterraneo, si è andata sviluppando l'azienda da ingrasso. I giovani tonni rossi catturati con le reti da circuizione, anziché essere rilasciati vengono chiusi e messi all'ingrasso in gabbie installate davanti alla costa. L'impoverimento degli stock selvatici va quindi a discapito della conservazione della specie, anche perché gli esemplari in cattività non si riproducono.

Per ingrassare i tonni occorrono inoltre grandi quantità di mangime: per ottenere un tonno da un chilo occorrono circa 15 chili di cibo per pesci.

 

Il nostro impegno per metodi sostenibili di pesca del tonno

Il WWF si impegna per la protezione dei nostri mari e, di conseguenza, anche a favore della salute degli stock di tonni. Per la loro conservazione, collaboriamo con i nostri partner a favore di un'industria della pesca sostenibile a livello globale, favorendo progetti locali per una pesca più efficiente.

Il WWF si impegna per una pesca sostenibile che consenta agli stock di tonni di rigenerarsi in tutti i mari del nostro pianeta. Ci battiamo contro le pratiche di pesca distruttive e lo sfruttamento eccessivo degli effettivi. Collaboriamo con governi, aziende e commissioni regionali per l'adozione di disposizioni efficaci in materia di regolamentazione della pesca e per l'istituzione di aree protette.

Con la certificazione MSC è possibile abbattere l'impatto ambientale e assicurare un futuro sostenibile agli stock di tonni. Il nostro obiettivo, per il mercato svizzero, è raggiungere una percentuale del 40% di pesce certificato. Collaboriamo perciò nell'ambito del WWF Seafood Group con imprese di commercio al dettaglio per favorire il passaggio graduale a un assortimento di pesci e frutti di mare sostenibili.

Infine, ci impegniamo anche a informare i consumatori e a promuovere il consumo di pesce prodotto in modo sostenibile. Solo cambiando la nostra mentalità e i nostri comportamenti riusciremo a ridurre la pressione sugli effettivi di tonno.

Le aziende con certificazione MSC conseguono profitti maggiori con il proprio tonno. I consumatori europei, giapponesi e americani possono essere certi che il pesce con marchio MSC sul loro piatto è stato prodotto in modo equo e sostenibile.

Focus sui tonni

Con i nostri progetti a favore dei tonni non ci impegniamo solo per la conservazione delle specie ittiche minacciate, ma anche a favore di migliori condizioni di vita per gli abitanti locali e per la tutela dei mari.

tonno pinna gialla

Pesca del tonno sostenibile nelle Filippine

Grazie al suo progetto di promozione, il WWF intende modificare in un'ottica di lungo termine la pesca del tonno pinna gialla nelle Filippine. La certificazione MSC consente una ripresa stabile della popolazione di questa specie.

Più informazioni
Stingrays al largo della costa del Belize

Cosa puoi fare tu

Aiutaci a garantire nel lungo termine la sopravvivenza delle popolazioni di tonni, limitando il consumo al solo pesce proveniente da fonti sostenibili o rinunciandovi completamente. Consulta la nostra Guida WWF. Con la tua donazione a favore dei mari, possiamo proteggere l'habitat dei tonni.

Aerial Hardy Reef. Parte della Grande Barriera Corallina in Australia.

Io proteggo i mari

CHF La tua donazione
Importo minimo: CHF
Importo massimo: CHF

Grazie alla tua donazione proteggiamo l’ecosistema marino.

Ostriche frutti di mare e pesce guida

Guida pesci e frutti di mare

Scopri quali sono i pesci e i frutti di mare che puoi gustare con la coscienza tranquilla.

Sea-documento dal WWF-Store

Attestato Mare

Con un Attestato Mare fai una gradita sorpresa e, allo stesso tempo, aiuti la natura. Sostienici nella protezione dei mari di tutto il mondo.