Fare il fuoco sotto la pioggia: Griglia del fuoco
Ritorno
24. settembre 2017

Un fuoco sotto la pioggia

Piove? Allora tutti fuori, all'aperto! Vi mostriamo come accendere un bel fuoco anche quando il meteo non sembra disposto a collaborare... La tecnica migliore è quella del cosiddetto fuoco a griglia.

Conoscenze: Come si forma la pioggia?

Quasi tre quarti della superficie terrestre sono ricoperti di acqua, solo un quarto è occupato dalla terraferma.

Quando il sole splende sull'acqua dei mari e degli oceani, la riscalda e la fa evaporare. È lo stesso fenomeno che possiamo osservare quando facciamo bollire dell'acqua nella cucina di casa nostra: tante minuscole goccioline si innalzano nell'aria sotto forma di vapore acqueo.

Più in alto arriva l'aria carica di goccioline, più si raffredda. A poco a poco, le goccioline tornano ad essere visibili. In linguaggio scientifico si dice che l'acqua "si condensa". La condensazione è il contrario dell'evaporazione. Le nuvole che vediamo in cielo sono formate da quantità innumerevoli di goccioline evaporate e condensate.

Quando una nuvola attraversa una massa di aria fredda, le goccioline si raffreddano ulteriormente, si uniscono tra loro e formano gocce sempre più grandi. Nel momento in cui raggiungono un peso tale da non riuscire più a rimanere sospese in aria, cadono sulla Terra.

Esperimento: Come si forma la pioggia?

Occorrente:

  • Un bicchiere
  • Pellicola alimentare
  • Un elastico
  • Terra o sabbia
  • Acqua

Istruzioni:
1. Riempire il bicchiere con terra o sabbia bagnata.
2. Tendi la pellicola sul bicchiere e fissala con l'elastico.
3. Posiziona il bicchiere in un luogo il più possibile caldo, preferibilmente al sole.

Dopo qualche ora sulla pellicola si formeranno alcune goccioline. Se saranno sufficientemente pesanti, cadranno sulla terra contenuta nel bicchiere.

Altre idee per le giornate di pioggia

Fate una bella passeggiata sotto la pioggia.
Cosa si sente quando piove? Gli animali si comportano in modo diverso? Che sapore hanno le gocce di pioggia? Chi riesce a trovare il posticino più asciutto? Trova la macchia di verde più intensa? Dove si raccolgono le gocce di pioggia? Quali sono i sassi più belli quando sono bagnati?

Fate un disegno con la pioggia.
I bambini dipingono dei motivi su cartoncino utilizzando colori idrosolubili, poi appendono i loro capolavori all'aperto, e lasciano che la pioggia completi l'opera.

Create un pupazzo di fango.
Quando nevica si fanno i pupazzi di neve, e quando piove... i pupazzi di fango! Utilizzate foglie, legna, sassi e fanghiglia. Tornate a vedere la vostra opera dopo qualche giorno e osservate come la pioggia l'ha trasformata.

Suggerimento: l'abbigliamento giusto per una gita sotto la pioggia

  • Vestitevi "a cipolla", e fate lo stesso con i bambini. Fra i vari strati deve circolare l'aria, perciò non scegliete indumenti troppo attillati. Lo strato a contatto con il corpo deve scaldare, quindi è meglio optare per indumenti termici o di lana, se possibile evitare il cotone. Lo strato intermedio ha il ruolo di isolare: può andare bene un pullover o un pile. L'ultimo strato è composto da pantaloni e giacca impermeabili.
  • Non infilate i pantaloni negli scarponcini, così la pioggia non scivolerà dentro.
  • Le scarpe da trekking o gli scarponcini garantiscono un buon sostegno. Sono pratici anche gli stivali di gomma con rivestimento interno estraibile – meglio prenderli più grandi di un numero, in modo da poterci inserire un sottopiede caldo e morbido o da poter indossare un paio di calzettoni.
  • Nelle giornate fredde è utile un paio di guanti "a manopola" impermeabili.
  • Proteggete lo zaino con un rivestimento impermeabile.