Kleine Inseln in der Aubonne
Aubonne

Una delle nostre perle d’acqua

Sorgenti misteriose – l’Aubonne

Scopri le straordinarie formazioni carsiche lungo l’Aubonne

Consigli per l’escursione

La stagione migliore per partire alla scoperta di questo tesoro naturale è la primavera, quando l’acqua proveniente dal disgelo delle nevi rende particolarmente vivace il suo corso. Le sfumature intense delle foglie di faggio tingono l’intero paesaggio di un verde luminoso.

Dalla stazione di Bière, bastano due passi per entrare nella valle dell’Aubonne. Si procede nel bosco lungo il fiume finché, poco prima di La Vaux, si giunge al punto in cui l’Aubonne riceve le acque del Toleure. Purtroppo qui il cammino fiancheggia le sponde di un lago artificiale, superato il quale segue nuovamente il corso naturale del fiume scendendo fino al castello di Aubonne. Chi ha ancora energie può prolungare questa escursione con un circuito aggiuntivo. Consigliamo di prendere il bus che da Aubonne porta verso la stazione ferroviaria di Allaman, poiché questo tratto è relativamente poco interessante dal punto di vista naturalistico.

Per raggiungere nuovamente l’Aubonne bisogna scendere un po’ più in basso rispetto alla stazione. Qui il fiume attraversa una meravigliosa zona golenale, per poi sfociare nel Lago Lemano.  

Il fiume

La zona in cui si situano le sorgenti dei due corsi d’acqua è un paesaggio del tutto peculiare: l’acqua sgorga secondo logiche misteriose dalla pietra carsica, formando circa 15 fonti, alcune perenni, altre temporanee. L’Aubonne e il Toleure nascono quindi dal medesimo complessissimo sistema acquifero carsico, una rete di passaggi sotterranei dove l’acqua scorre insinuandosi tra le fessure della roccia. A causa di questo collegamento nel sottosuolo e dello scambio d’acqua, i livelli dei due fiumi si influenzano reciprocamente. Tra i due esiste, in sostanza, un legame invisibile agli occhi.

Le specie animali tipiche che popolano l’habitat fluviale dell’Aubonne sono il castoro, la trota fario e il gambero di fiume. In più, si possono osservare numerosi insetti acquatici.  

Sapevi che...

... c’è ancora molto da fare prima che l’Aubonne possa diventare a tutti gli effetti una perla d’acqua? Ancora oggi le opere di capostazione delle acque e alcuni ostacoli artificiali impediscono a questo fiume di scorrere liberamente.

Cos'altro puoi fare tu

Aiutaci con una donazione per le Alpi svizzere, affinché la natura non si impoverisca a causa dello sfruttamento umano. Oppure diventa socio del WWF e aiutaci nel nostro lavoro per un futuro sostenibile.

Marmotta nel Parco Nazionale degli Alti Tauri, Austria

Io proteggo le Alpi

Le Alpi sono un gioiello della natura dalle mille sfaccettature. Proteggendole facciamo sì che questa ricchezza non venga depredata dall’azione dell’uomo.

Bonobo madre bacia il suo bambino

Iscrizioni adulti

Come socio del WWF entri a far parte della nostra grande rete: oltre 5 milioni di persone in tutto il mondo sostengono i nostri progetti.