Decorazioni di Natale Tannzapfen
Ritorno
11. dicembre 2017

Spiriti dei boschi e un albero fatto con il legno morto: 5 idee per festeggiare il Natale in modo sostenibile

Perché il Natale sia una festa non occorre navigare nell’abbondanza o fare regali costosi. Florian Haenggeli, collaboratore del WWF, racconta come trascorre con la sua famiglia il periodo delle festività all’insegna della gioia e della riflessione, sfuggendo alle pressioni del consumismo e alla mentalità «usa e getta». Senza per questo essere fuori dal mondo...

Non vogliamo inutili giocattoli di plastica, comprati a poco prezzo, che vengono prodotti in situazioni di degrado e sfruttamento.

Florian Haenggeli
  1. Per principio, nella nostra famiglia non c’è nessuno scambio di regali tra gli adulti. Una buona idea, però, potrebbe essere quella per cui ogni adulto sceglie uno o più regali in un negozio di articoli sostenibili, oppure dona qualcosa che può essere «consumato», ad esempio del cibo. Un’altra idea: ogni adulto sceglie un’organizzazione che vorrebbe sostenere e chi intende fargli un regalo effettua una donazione a suo nome .
  2. I bambini ricevono qualche piccolo dono, ma da noi non esistono né Babbo Natale né Gesù Bambino. Abbiamo sostituito queste figure con i magici nanetti del bosco.
  3. Sono loro che, il giorno di Natale, nascondono una letterina a casa nostra: il messaggio esorta i bambini a seguire degli indizi che portano a una capanna nel bosco, che illuminiamo con delle candele, oppure a un certo albero, che addobbiamo e riempiamo di luci. Qui celebriamo una piccola cerimonia di Natale e consegniamo i regali ai bambini; in cambio, lasciamo qualcosa per i nanetti. Creiamo una piccola opera d’arte con materiali naturali e la abbelliamo con qualche frutto essiccato e delle noci.
  4. Tutti i regali per i bambini vengono da noi, dai genitori. Ogni volta è una lotta per convincere i nonni ed altre persone ad adeguarsi, ma su questo punto siamo inflessibili. Non vogliamo inutili giocattoli di plastica, comprati a poco prezzo, che vengono prodotti in situazioni di degrado e sfruttamento. Piuttosto preferiamo che il Natale sia un’occasione per donare ai nostri figli qualcosa di cui hanno davvero bisogno, prestando attenzione anche alla qualità. Quest’anno ad esempio regaleremo loro delle mountain bike nuove, perché nella nostra famiglia si va molto in bicicletta e organizziamo tante escursioni in montagna.
  5. Per quanto riguarda l’albero di Natale... beh è incredibile che questa usanza resista ancora! Già da parecchio tempo abbiamo scelto una variante decisamente più sostenibile: cerchiamo nel bosco diversi rami di legno morto, piuttosto lunghi. Poi facciamo un buco al centro di ogni ramo e li disponiamo in ordine di lunghezza, infilandoli su un bastone di metallo o di legno se vogliamo creare un albero da appoggiare a terra, oppure su una fune metallica se vogliamo appenderlo. Fissiamo poi il bastone su un grosso ceppo. I decori, li facciamo con le nostre mani, così il nostro albero è davvero sostenibile. È una variante semplice da realizzare e questo albero si può riutilizzare per diversi anni. In più, è bello da vedere ed è un progetto appassionante con cui i bambini si possono cimentare.
  6.  

Vorresti altri spunti d’ispirazione? Qui ti mostriamo come puoi organizzare il Natale secondo criteri di sostenibilità.

E anche sul sito della famiglia trovi altre idee per trascorrere dei bei momenti all’aperto.

Albero di Natale sostenibile fatta di legno morto
Florian Haenggeli e la sua famiglia sul falò di Natale

Spiriti dei boschi e un albero fatto con il legno morto - Florian Haenggeli racconta come trascorre con la sua famiglia il periodo delle festività all’insegna della gioia e della riflessione

Cos'altro puoi fare tu

WWF Polar Bear Adozione pacchetto

Adozione di un orso polare

Con l'adozione simbolica di un orso polare contribuisci a proteggere il suo habitat e ricevi un peluche e una scheda informativa su questo splendido animale.

Cassetta postale rossa

Abbonarsi alla newsletter

Sintetica e attuale: le ultimissime del WWF via e-mail. Iscriviti ora!