©
©
Verschiedene Früchte und Gemüse
La mia impronta

Alimentazione: suggerimenti e domande frequenti sull'impatto ambientale causato dagli alimenti

La mia impronta: alimentazione

Mangiamo e beviamo ogni giorno. E così ogni giorno possiamo fare qualcosa per l'ambiente: un terzo dell’inquinamento ambientale dovuto ai consumi in Europa è causato dal cibo. Cosa puoi fare per ridurre la tua impronta ecologica?

Perché un’alimentazione a base vegetale contribuisce a ridurre l'impronta ecologica? Le verdure biologiche confezionate nella plastica inquinano più degli ortaggi regionali non confezionati? Come posso evitare gli sprechi alimentari? Di seguito abbiamo riunito per te le risposte a queste e ad altre domande.

Alimentazione: le domande più frequenti

Ecco le risposte:

Quali sono gli aspetti più importanti di un’alimentazione rispettosa dell'ambiente?

Se desideri rendere la tua dieta più rispettosa dell'ambiente, otterrai il massimo risultato adeguando le tue abitudini in quest'ordine:

  • passa da una dieta a base di prodotti di origine animale a una dieta prevalentemente vegetale
  • evita gli sprechi alimentari
  • acquista prodotti biologici invece di quelli convenzionali
  • non comperare alimenti importati via aereo
  • non comperare alimenti coltivati in serre riscaldate con combustibili fossili

I nostri guide online sono utili strumenti per le decisioni d'acquisto e ti orientano verso consumi sostenibili.

Perché un’alimentazione vegana/vegetariana contribuisce a ridurre l'impronta ecologica?

Tra tutti gli alimenti solitamente consumati in Svizzera, la carne e i latticini sono i più inquinanti. La produzione di carne, latte, formaggio e uova causa circa la metà dell'impatto ambientale di origine alimentare del Paese. L’altra metà deriva dalla produzione di tutti gli altri alimenti e generi voluttuari e dal loro trasporto, distribuzione e imballaggio.

La produzione di un chilogrammo di carne consuma di per sé da 5 a 20 chilogrammi di mangime. Di conseguenza, si rendono necessarie superfici ed energia maggiori rispetto ai prodotti vegetali.

Se un cittadino svizzero con un consumo di carne nella media passasse a una dieta vegetariana, l'impronta alimentare si ridurrebbe di circa il 25%, e addirittura del 35-40% se optasse per una dieta vegana. Chiaramente un cambiamento delle abitudini alimentari sostenibile richiede tempo, e valori quali il piacere, la convenienza e la salute risultano fondamentali. Nella maggior parte dei casi ha senso adottare un approccio rilassato al cambiamento, provare qualcosa di nuovo, menù dopo menù, e confrontarsi con delle persone con un’opinione simile alla nostra.

Gli stili alimentari e il loro impatto sull'ambiente pro capite e anno

Grafik Ernährungsstile

Fonte: ESU-services 2015

Quanto è rilevante l'imballaggio in plastica di frutta e verdura?

Il contenuto è chiaramente più importante dell’imballaggio, poiché l'impatto ambientale della produzione di plastica è basso, spesso trascurabile: l’inquinamento principale è causato dal prodotto stesso. La plastica diventa un problema solo se viene smaltita in modo improprio nella natura. Questo materiale va infatti smaltito nei rifiuti o in un contenitore per il riciclaggio.

Anche se in un primo momento può sembrare un po' strano, un cetriolo avvolto nella plastica può addirittura presentare dei vantaggi ecologici, prolungandone ad esempio la conservazione e riducendo così gli sprechi alimentari.

Come possiamo ridurre gli sprechi alimentari?

La Svizzera produce ogni anno circa due milioni di tonnellate di rifiuti alimentari che potrebbero essere evitati: un terzo degli alimenti prodotti per il mercato svizzero e circa 300 grammi a persona al giorno, ovvero quasi un pasto completo.

La perdita inizia già sul campo, se il cibo non soddisfa gli standard di qualità: ad esempio, le patate troppo piccole, troppo grandi o deformi non possono essere vendute. In negozio vanno poi smaltiti gli alimenti che hanno superato la data di scadenza. Tuttavia, le maggiori perdite alimentari (circa la metà) interessano da ultimo il consumatore finale: pertanto, una gestione consapevole del cibo da parte di ogni singolo individuo può ridurre notevolmente l'inquinamento ambientale.

Cosa puoi fare tu: acquista consapevolmente e considera in anticipo di quanti e quali alimenti hai effettivamente bisogno. Anche il cibo la cui data di scadenza è già passata può spesso essere consumato senza esitazione. Ma attenzione: questo non vale per la data con la dicitura “da consumarsi entro”.

Scopri di più sugli sprechi alimentari.

È bene acquistare il cibo a prezzi ridotti per evitare gli sprechi alimentari?

In generale, non è sbagliato acquistare alimenti che sono vicini alla data di scadenza in modo che non finiscano nella pattumiera del negozio.

Tuttavia, dovresti anche chiederti se ritieni che questo prodotto ti sia fondamentalmente utile. La frutta fresca già sbucciata, ad esempio, è problematica perché si deteriora molto più velocemente rispetto a quella con la buccia. È meglio lasciarla in negozio, in modo che nel lungo periodo il produttore ne produca meno per via della minore domanda, e il negozio non ne offra più.

Altri settori

Abitazione & energia

Sull'impronta ecologica

Swisscom

In veste di partner, Swisscom sostiene il calcolatore dell’impronta ecologica WWF e l'app Guida WWF.